Informazioni personali

Le mie foto
SCILLA, Reggio Calabria, Italy
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.

domenica 23 novembre 2014

CALCIO LEGA PRO. Reggina: tutto inutile

ISCHIA - REGGINA 2-0. Avvicendamento nelle panchine di entrambe le squadre durante la settimana. Sulla panchina dei padroni di casa va Agenore Maurizi, mentre su quella amaranto dopo l'esonero di Cozza siede la coppia Tortelli - Mozart, sperando di non fare la stessa fine della precedente coppia amaranto Gagliardi - Zanin. Dal ballo dei debuttanti esce vincitore il neo allenatore dell'Ischia Maurizi, che dopo la serie negativa di sei sconfitte consecutive, approfitta della fragile Reggina, per tornare ad assaporare la vittoria. Le reti arrivano tutte nella seconda metà di gioco, dopo un primo tempo spento, illuminato solamente dalle due giocate di Louzada e Insigne sul finire del tempo regolamentare. Nella ripresa passano subito in vantaggio i padroni di casa, che al 47' vanno in goal con Ciotola. Dopo pochi minuti (52') arriva il raddoppio grazie a Fiandaca, che finalizza con una botta secca da fuori area. Gli amaranto non mostrano alcun tipo di reazione fino all'espulsione di Dall'Oglio, da quel momento in poi è completo black out. La partita si conclude sul risultato di 2 a 0 per un'Ischia che torna alla vittoria e una Reggina che nonostante il cambio in panchina continua a sprofondare sempre più giù, come a dimostrare che questa lunga crisi non vuole saperne di terminare.
Pasquale Scopelliti

sabato 22 novembre 2014

CALCIO PROMOZIONE. La Villese vince e balza al quarto posto in classifica

il giovane talento neroverde De Franco batte un calcio di punizione (ph Diabolik Calcio)
VILLA SAN GIOVANNI. La Villese vince e convince. I neroverdi sono passati in vantaggio con il solito Tavilla, gli ospiti si innervosiscono e Femia viene espulso. I padroni di casa approfittano della superiorità numerica e raddoppiano con Aquilino. Poi vengono espulsi anche Brogna e Femia e il Marina di Gioiosa chiude la partita in otto.
VILLESE - MARINA DI GIOIOSA 2 - 0
MARCATORI: 24’pt Tavilla, 16’st Aquilino
MARINA DI GIOIOSA: Frascà, Ieraci, Giuffrida (25‘st Agrippo), Aquino, Albanese, Misiti, Bottiglieri, Pugliese, Brogna, Femia. all. Panarello (squalificato)
a disposizione: Mittica, Rigitano, Giorgione, Macri, Palermo, Boussaid
VILLESE: Cambareri, Nocera, Scappatura, Gazzetta (43‘pt De Franco), Crea, Alampi, Iannone (32‘st Bentivoglio), Aquilino, Tavilla(25‘st Morello), Bonadio, Chirico. all. Leonardis
a disposizione: Grillo, Cuzzola, Maisano, De Maio
NOTE: espulsi al 13’st Femia, al 17’st Brogna e al 30’st Misiti; ammoniti Giuffrida, Misiti, Tavilla, Albanese, Brogna, Bonadio; angoli 4 a 4; recupero 0’pt - 0’st; circa 100 spettatori
ARBITRO: Fiore di Paola
ASSISTENTI: Barillà di Taurianova e Moscato di Paola

CALCIO ALLIEVI REGIONALI. La Villese cade a Siderno

 Nicola Paviglianiti (ph Diabolik Calcio)
SIDERNO. Al Filippo Raciti gara ricca di emozioni. Hanno avuto la meglio i padroni di casa grazie alla rete messa a segno da Cefali. Gli ospiti hanno fallito un calcio di rigore con Romano.
JUVENTINA SIDERNO - VILLESE 1 - 0
VILLESE: Sassi, Nobile, De Luca, Rifatto, Bergamo, Geria, Romano, Spezzano, Bilardi, Buda. all. Cotronei a disposizione: Barresi G., La Valle, Scopelliti L., Covani, Palermo F., Giordano, Paviglianiti
ARBITRO: Giuseppe Florio di Locri

CALCIO TERZA CATEGORIA. Colpaccio in trasferta del Rhegium City

Rhegium City (ph Diabolik Calcio)
BAGALADI - RHEGIUM CITY 0 - 1
MARCATORE: 55' Glommicu
RHEGIUM CITY: Ponente, Utano, Romeo, Passalacqua P., Furci, Ciccone, Pintomalli, Bagnato, Barresi, Glommicu, Allegro. all. Sergi
a disposizione: Cannizzaro, Libro M., Foti, Passalacqua D., Leonardis, Araniti, Tripodi

CARABINIERI. Cronaca della Locride

LOCRIDE. Continuano serrate le attività di controllo del territorio, svolte dai varabinieri del Gruppo di Locri, diretto dal colonnello Giuseppe De Magistris, nell’ambito della pianificazione coordinata dei servizi realizzata sotto la direzione generale del prefetto di Reggio Calabria, dottor Claudio Sammartino, come continuano a essere allestiti numerosi posti di controllo e anche alcuni posti di blocco a due sensi di marcia sia nel presidio dei punti di obbligato passaggio della giurisdizione di competenza, sia nelle aree rurali e nelle periferie dei principali centri urbani, come anche sono numerose le perquisizioni, domiciliari, personali e veicolari effettuate. All’esito del servizio, tra l’altro: i carabinieri della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica hanno tratto in arresto, in esecuzione di ordine per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri – Ufficio esecuzioni penali F. F., 27 anni, del luogo, attualmente agli arresti domiciliari, dovendo egli scontare la pena di 3 anni, 6 mesi e 8 giorni di reclusione poiché riconosciuto colpevole in via definitiva del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso in Marina di Gioiosa Jonica dall’aprile 2011 all’agosto 2011, per il quale, il 12 marzo scorso, era stato già tratto

BASKET. Vis Reggio a Capo d’Orlando per difendere il primato

Stefano Zampogna
REGGIO CALABRIA. Prima contro seconda. Ovvero il meglio che il girone calabro/siculo ha espresso in questo primo scorcio di campionato. La Vis Reggio Calabria, capolista imbattuta, sbarca domani in Sicilia, direzione Capo d’Orlando. Ad attenderla i locali dell’Irritec Costa d’Orlando, che la tallonano in classifica a soli 2 punti di distanza. Sarà un test difficilissimo per i bianco/amaranto di Checco D’Arrigo contro il quintetto di coach Condello, reggino doc (bandiera del Cap da giocatore), e contro gli ex Vazzana e Antinori. Il “PalaValenti” (sold out scontato) si preannuncia un catino ribollente di tifo. Entrambe le compagini viaggiano col

venerdì 21 novembre 2014

BOVALINO. Poliziotti in cerca di un latitante scoprono un bunker in cemento armato

BOVALINO. Ieri, la Polizia di Stato, nel corso di un’operazione finalizzata alla ricerca del latitante Rocco Mammoliti, 45 anni, condannato per reati in materia di sostanze stupefacenti e per essersi sottratto agli obblighi derivanti dalla misura della sorveglianza speciale cui era sottoposto, ha rinvenuto e sequestrato un bunker in cemento armato ricavato all’interno di un capannone adibito ad officina e ricovero di mezzi. Le dimensioni del locale che, al momento, si presentava completamente vuoto ed apparentemente non utilizzato da tempo, sono di circa dodici mq per un’altezza di 1,80 m completamente privo di accessi visibili dall’esterno, di illuminazione e aereazione naturale e si presentava dotato di una botola montata su binari, originariamente azionabile elettricamente, abilmente occultata nella scavo utilizzato per l’ispezione e la riparazione dei veicoli. Gli agenti dei Commissariato di PS di Siderno e Bovalino hanno accertato che il manufatto era nella disponibilità di Sebastiano Mammoliti, 70 anni, padre del latitante. Il 70enne è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Locri. L’operazione si inquadra nella più vasta attività di intensificazione del controllo del territorio disposta in ambito provinciale dal questore di Reggio Calabria, Guido Nicolò Longo, finalizzata, in particolare, all’individuazione e cattura di latitanti, alla repressione del traffico di armi clandestine e di sostanze stupefacenti, attività illecite altamente redditizie cui sono notoriamente dedite le organizzazioni criminali operanti sul territorio.

REGGIO CALABRIA. Furti di autovetture: torna in carcere Patrizio Bevilacqua

REGGIO CALABRIA. Ieri, i carabinieri della Stazione Rione Modena hanno arrestato Patrizio Bevilacqua, reggino di 28 anni, destinatario di un ‘ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dall’Ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale, dovendo espiare una pena definitiva di 2 anni, 9 mesi e 6 giorni di reclusione, poiché riconosciuto colpevole del reato di furto aggravato per fatti commessi in città nel dicembre 2011 e nel marzo 2013. Il primo risale all’antivigilia di Natale dell’anno 2011, quando i militari dell’Aliquota radiomobile avevano intercettato e arrestato Bevilacqua per un furto di autovettura. Il secondo fatto riguarda l’attività d’indagine portata a termine con successo dai carabinieri della Stazione Rione Modena che, a seguito di una denuncia di furto di autovettura, erano riusciti a ricostruire l’accaduto individuando i responsabili nel Bevilacqua e altri due complici, successivamente tratti in arresto su ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Reggio Calabria. Lo stesso, al termine delle formalità di rito, è stato associato presso la Casa circondariale Reggio Arghillà a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

MOTTA SAN GIOVANNI. Rotatoria Nord: alto rischio collisione ingresso Lazzaro

MOTTA SAN GIOVANNI. Si segnala una situazione ad alto rischio per la circolazione veicolare alla rotatoria di Lazzaro Nord atteso che gli automobilisti, soprattutto i conducenti di mezzi pesanti e mezzi pubblici, imboccando l’ingresso per Lazzaro posto in curva invadono la corsia Nord rischiando la collisione con i mezzi in uscita da Lazzaro. Inoltre essendo l’ingresso ricadente in curva la decelerazione dei veicoli determina una situazione favorevole per il verificarsi di tamponamenti. Il potenziale pericolo aumenta durante le piogge specialmente per i veicoli a due ruote giacchè la strada lato mare all’ingresso per Lazzaro si trasforma in un laghetto.
Si aggiunge che l’isola di canalizzazione non sormontabile in uscita da Lazzaro rappresenterebbe un potenziale pericolo in quanto i veicoli potrebbero proseguire dritto schiantandosi contro i pali dell’illuminazione pubblica. Tanto si segnala acché si adottino azioni correttive volte ad eliminare o mitigare le situazioni di potenziale pericolo per la

CATANZARO. Il sottosegretario Gioacchino Alfano visita il Comando Militare Esercito "Calabria"

CATANZARO. Il sottosegretario di Stato alla Difesa onorevole Gioacchino Alfano ha fatto visita al Comando Militare Esercito "Calabria", che ha sede presso la caserma "Pepe-Bettoia". L'onorevole Alfano, dopo aver ricevuto gli onori in armi dal picchetto d'onore, è stato accolto dal comandante militare dell'Esercito in Calabria, generale di brigata Vito Dell'Edera e ha firmato l'Albo d'Onore.
Nel corso della visita istituzionale, il comandante ha illustrato al sottosegretario alla Difesa le funzioni dell'Ente relative all'Ufficio documentale, all'attività informativa e di promozione per gli arruolamenti, la gestione dei poligoni e delle servitù militari e il coordinamento della formazione professionale in favore dei militari posti in congedo per la ricollocazione nel mondo del lavoro. Al termine della visita all'infrastruttura, l'onorevole Alfano si è intrattenuto con il personale militare e civile del Comando evidenziando la "professionalità del personale militare e civile nel contesto dei nuovi impegni, che vede impiegato l'Esercito anche nelle pubbliche calamità".

UISP - PGS C5 FEMMINILE. Alla Villese il derby con l’Universal Pgs

Villese al Palloncino di Campo Calabro (ph Diabolik Calcio)
CAMPO CALABRO. Un gol di Labate decide il derby Universal Pgs e tra Villese. Con questo successo ottenuto in trasferta, le ragazze di mister Pecora raggiungono in vetta alla classifica la Polisportiva Futura che naviga a punteggio pieno.
UNIVERSAL PGS - VILLESE - 0 - 1
VILLESE: Calderone, Cambareri, Galeotti, Giorlo, Incognito, Labate, Mediati, Mumoli, Prochilo, Ranieri, Spanti, Tavilla, Terranova, Rappoccio. all. Pecora

CARDETO. Arrestato un pensionato con l’accusa di detenzione di un mini arsenale

CARDETO. I carabinieri della locale Stazione hanno scoperto un mini arsenale e tratto in arresto una persona con l’accusa detenzione di armi clandestine. Poco più di una settimana fa i carabinieri della Stazione Reggio Ortì avevano trovato 3 fucili e una pistola con matricola abrasa occultate in varie zone dei terreni di pertinenza di padre e figlio, i quali erano stati arrestati. Questa volta il controllo capillare del territorio in area montana esercitato dai carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria ha prodotto un altro importante successo: a finire in manette è stato S. C., 64 anni, pensionato, del luogo. I militari della locale Stazione, insieme ai colleghi dello Squadrone eliportato cacciatori Calabria, a seguito di

REGGIO CALABRIA. Assessore Rao: ‘Igp Olio di Calabra, Vince la controproposta reggina’

REGGIO CALABRIA. “La Provincia, per il tramite dell'assessorato all'Agricoltura, porta a casa un risultato eccezionale per tutto il comparto olivicolo e mette, la parola “fine” alle penalizzazioni, risultanti dalla prima bozza del Disciplinare di Produzione dell'Igp Olio di Calabria, preservando i produttori delle “cultivar”, quali la Sinopolese, Grossa di Gerace e Ottobratica da ricadute economiche negative ad esclusivo appannaggio della cv. “Carolea”. Così l'assessore all'Agricoltura della Provincia di Reggio Calabria Gaetano Rao riassume, in poche battute, la meticolosa interlocuzione avviata con il Comitato Promotore e la Regione Calabria e sollevata, mesi fa, dall'Assessorato provinciale reggino con la collaborazione tecnica e

ELEZIONI REGIONALI. Nico D’Ascola: “Un ruolo propulsivo per il cambiamento e lo sviluppo della Calabria”.

REGGIO CALABRIA. “La famiglia costituisce il primo armonizzatore sociale in grado di risolvere una serie di problemi che senza questo istituto non troverebbero alcuna soluzione”. Ad affermalo è Nico D’Ascola, candidato presidente di Alternativa Popolare. “Tra i temi affrontati – prosegue il candidato presidente - ci siamo occupati dello sviluppo, ragionando concretamente sulle ipotesi compatibili con la situazione internazionale, nazionale e regionale, passando su modelli compatibili come il commercio, che comporta costi di realizzazione delle strutture necessarie al suo sviluppo bassi rispetto al modello industriale che crea ricchezza diffusa. Il porto di Gioia Tauro rappresenta un volano straordinario per lo sviluppo non solo della Calabria, ma

ELEZIONI REGIONALI. Bombardieri: ‘No alla soppressione della Sovrintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Reggio Calabria’

ROCCELLA JONICA. Italia Nostra e la professoressa Marisa Cagliostro hanno lanciato nei giorni scorsi un forte allarme sul progetto ministeriale di sopprimere la Sovrintendenza ai Beni Architettonici e Paesaggistici di Reggio Calabria. Non si tratta di una questione di poco conto. A parte la perdita per la città di una istituzione così importante e prestigiosa, un provvedimento come quello paventato avrebbe conseguenze disastrose sulla tutela del patrimonio storico e naturalistico della nostra provincia. Come ex amministratore per lungo tempo di un Comune come quello di Roccella, fortemente impegnato su questo terreno, ho potuto toccare con mano la differenza abissale che corre tra l’avere come interlocutore una Sovrintendenza con sede a Reggio rispetto a una con sede nella lontana Cosenza. Basti pensare, ad esempio al fatto che un sovrintendente di Cosenza non si è mai fatto vedere a Roccella, benché questo paese sia da tantissimi anni alle prese con interventi su monumenti di importanza straordinaria come il Palazzo Carafa, salvo l’ingegnere Cecati nel periodo immediatamente precedente l’istituzione della Sovrintendenza di Reggio. È dunque sperabile che le rappresentanze politiche e istituzionali di Reggio e della provincia, a cominciare dai Comuni, si mobilitino urgentemente per scongiurare una evenienza che, tra l’altro, va in senso esattamente contrario alla necessità di fondare le nostre prospettive di sviluppo essenzialmente sulla valorizzazione delle risorse culturali e naturali del territorio.
avv. Vincenzo Bombardieri
candidato al Consiglio regionale nella lista del Partito Democratico

ELEZIONI REGIONALI. Marranghello: “Più attenzioni per anziani e disabili con scarse disponibilità economiche”

COSENZA. Fra i temi caldi da affrontare con una certa urgenza nelle attività del Consiglio Regionale calabrese, per il candidato del Centro Democratico Luciano Francesco Marranghello, c'è quello della Famiglia. «La regione Calabria -dice- dovrebbe essere molto attenta a tutto ciò che riguarda la famiglia, ponendola al centro delle politiche regionali». In particolare, Marranghello fa riferimento ai soggetti deboli, quelli di cui si parla poco o addirittura non se ne parla. In primis gli anziani, che siano soli o in coppia, ma monoreddito. «Ritengo -afferma- che la regione Calabria debba attivarsi per garantire alcuni servizi, considerata la situazione deficitaria in cui si trova la sanità calabrese, visto che siamo soggetti ancora al piano di rientro e

ELEZIONI REGIONALI. Nico D’Ascola: “La visita del ministro Alfano è segnale di attenzione nei confronti della Calabria”

REGGIO CALABRIA. “L'arrivo del ministro dell'Interno Angelino Alfano è un elemento che segnala l’attenzione che il governo in generale, ma direi più specificatamente Alternativa Popolare, ha nei confronti della Calabria”.
Lo afferma Nico D’Ascola, candidato presidente di Alternativa Popolare. “E’ chiaro come l’arrivo del ministro Alfano – prosegue il candidato presidente - chiude un ciclo davvero straordinario di fatti dimostrativi dell’interesse che si pone nei confronti di questa sfortunata regione. Alternativa Popolare è un nuovo soggetto politico che sperimentiamo in Calabria per poi, presentarlo sulla scena politica nazionale. Nasce dalla migliore tradizione politica italiana; quella che ha visto accanto cattolici e liberali e che ha dato luogo all'enorme sviluppo economico del dopoguerra. La credibilità, la serietà e la competenza personale costituiscono la precondizione dell' agire politico in generale e in particolare della Regione Calabria che proprio su questo terreno ha sofferto una caduta di immagine. Alternativa Popolare – conclude Nico D’Ascola - per altro si pone non solo come baluardo dei valori del mondo cattolico e di quello liberale, ma mette al centro del suo programma politico la tutela dell'individuo, dei valori della persona umana e della famiglia nel contesto del difficile rapporto tra cittadini e Stato”.

CETRARO. Operazione ‘Dry hemp’: scoperta dalla Guardia di finanza una filiera per la produzione, essicazione e confezionamento della marijuana

CETRARO (CS). Una vera e propria filiera per la produzione, essicazione e confezionamento della marijuana è stata scoperta dai militari della locale Brigata della Guardia di finanza e della Compagnia di Paola. I finanzieri hanno trovato 2 quintali di marijuana già confezionata e oltre 3000 piante in fase di essicazione. La produzione avveniva in tre casolari di località Difesa: il primo adibito alla coltivazione, il secondo usato come essiccatoio ed il terzo come laboratorio. Trovati anche migliaia di semi di pregiata qualità provenienti dal mercato olandese. A protezione della “preziosa merce” e della intera area utilizzata per l’illecita produzione i malviventi avevano installato un sofisticato impianto di videosorveglianza attraverso il quale riuscivano a controllare tutti i “movimenti” che, però, nulla ha potuto nei confronti della destrezza e tenacia posta in campo dai finanzieri. L’operazione di servizio delle Fiamme Gialle, che ha consentito di sottrarre ai sodalizi criminali un ingente quantitativo di marijuana che avrebbe fruttato, al dettaglio, ben oltre 10 milioni di euro, s’inserisce nella serrata e costante attività di prevenzione e repressione riguardo alla produzione alla coltivazione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare nella aspra fascia tirrenica cosentina, dove attesa la particolare natura selvaggia del territorio risulta essere più agevole l’insediamento di coltivazioni illegali.