Informazioni personali

Le mie foto
SCILLA, Reggio Calabria, Italy
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001.

venerdì 1 agosto 2014

REGGIO CALABRIA. Due persone denunciate dalla Polizia provinciale per furto di acqua

REGGIO CALABRIA. A seguito di mirati controlli sull’emergenza idrica in ambito provinciale disposti con ordinanza della Questura, intesi a contrastare il triste fenomeno dei furti di acqua dalla condotta comunale che interessa tutta la Provincia, la Polizia provinciale diretta dal dottor Domenico Crupi, in una capillare azione di controllo sul territorio, con il contributo dei tecnici del Comune, ha deferito alla Procura della Repubblica C. G., 70 anni e S.M., 57 anni, entrambi residenti nella zona sud della città, resisi responsabili di furto aggravato di acqua potabile dalla condotta comunale. Gli impianti abusivi realizzati in modo fraudolento con manomissione di componenti della rete di distribuzione pubblica destinata a pubblico servizio, venivano utilizzati per irrigare un terreno di 5 mila mq coltivato ad ortaggi e alberi da frutto. Gli impianti idrici realizzati abusivamente sono stai posti sotto sequestro giudiziario e messi a disposizione dell’Autorità giudiziaria. L’obiettivo di questa azione sinergica capillare disposta dall’Autorità di PS che vede coinvolte tutte le forze di polizia presenti sul territorio è quello di accertare allacci abusivi sulle reti idriche e fognarie soprattutto sul territorio cittadino e garantire, al contempo, pari condizioni di trattamento a tutti gli utenti, tutelando la risorsa idrica da utilizzi fraudolenti. L’allacciamento alla rete idrica ed il furto di acqua sono illeciti penali e costituiscono, infatti, un’evidente ingiustizia nei confronti dei cittadini onesti che pagano regolarmente le bollette, oltre che un grave danno per le casse dei Comuni. Le attività di controllo negli ultimi due anni ha segnato ottimi risultati, oltre 250 sono state le persone deferite dalla sola Polizia provinciale.

LIMBADI. Domani la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti

LIMBADI (VV). Si svolgerà sabato, alle ore 18:30, presso la biblioteca Salvatore Corso Editore, la presentazione del libro “Andamento lento. La gestione della carriera al femminile” di Daniela Profiti (Disoblio Edizioni). Alla presentazione moderata da Maria Francesca Fassari, interverranno: Stefano D'Apa (presidente Associazione biblioteca Salvatore Corso Editore), Nicola Rombolà (giornalista), Immacolata Corso (membro Direzione nazionale Cdu), Salvatore Bellantone (editore). Sarà presente l'autrice.Ripercorrendo brevemente le principali tappe della storia del lavoro femminile nel XX secolo, Andamento lento. La gestione della carriera al femminile individua i momenti cruciali che hanno scandito l'ascesa femminile, lenta sì ma qualitativamente inarrestabile, in ambito lavorativo, economico, politico e legislativo. Proseguendo con una descrizione dei principali organi istituzionali nazionali ed europei che tutelano il lavoro e i diritti femminili, l'opera affronta la questione del fare carriera al femminile. Se da un lato l'autrice sottolinea le crepe legislative ed economiche a danno della donna e anche dell'azienda, in relazione al tema della maternità, dall'altro lato evidenzia la convenienza dell'investimento sulle donne in ambito aziendale, specialmente sul piano del management e dell'organizzazione. Ponendo poi l'attenzione sul Soffitto di Cristallo e sulla prima donna manager, Marisa Bellisario, l'opera si conclude con un confronto a tu per tu svolto dall'autrice con donne al vertice dei settori pubblico e privato, in ambito locale e nazionale, sul tema della carriera al femminile.
DANIELA PROFITI nasce a Vibo Valentia nel 1989 e vive a Nicotera. Conseguita nel luglio 2012 la laurea triennale in Organizzazione delle Amministrazioni pubbliche e private, presso l’Università degli Studi “Magna Graecia” di Catanzaro, attualmente frequenta il corso di laurea specialistica in Organizzazione dei Servizi della Pubblica amministrazione nel medesimo Ateneo.

REGGIO CALABRIA. Nuccio Pizzimenti (FI): “tapis roulant messo in ferie dai commissari”

Nuccio Pizzimenti
REGGIO CALABRIA. Un turista a passeggio sul corso Garibaldi chiede se il tapis roulant è chiuso per ferie. “Ma quali ferie!”, risponde seccato uno dei tanti pensionati che siedono sulle panchine antistanti il Tempio della Vittoria il quale aggiunge: “vede quest’opera costata milioni di euro è ferma perché lo hanno deciso i commissari prefettizi”. Lo scrive in una nota Nuccio Pizzimenti, già segretario organizzativo e responsabile alla comunicazione di Forza Italia, il quale racconta un episodio realmente accaduto alcuni giorni fa. Il racconto di Pizzimenti così prosegue: “si forma un capannello di persone ognuna delle quali al frastornato turista esprime le sue impressioni, tutte negative per la verità, sul governo della più grande città della Calabria. Se l’impianto di mobilità che collega il lungomare con la zona alta della città, per problemi di bilancio, - dicono i cittadini - non funzioni durante le rigide giornate invernali, bloccare i cancelli nel periodo estivo appare un controsenso e, soprattutto, scarsa lungimiranza di chi in questo particolare momento storico guida Reggio. Scarsa lungimiranza in capo a chi, nella gestione della cosa pubblica, subordina l’interesse socio – turistico all’esigenza ragionieristica di far quadrare i conti. ‘Chiuso per commissario, - dice il turista prima di allontanarsi stampando un sorrisetto sarcastico”. Detto questo Nuccio Pizzimenti sottolinea che “è vero che le casse del Comune, circostanza conosciuta anche dai sampietrini del lungomare, sono malate, gravemente malate. Ma in un corpo sofferente ci sono organi che vanno curati prima di altri. Il tapis roulant è uno di questi. La città, già provata per i guasti provocati dalla politica, non può subire ulteriori danni all’immagine rispetto al mancato funzionamento di strutture che abbelliscono e rendono quasi efficiente il centro storico. Di questo dovrebbe convincersi la triade commissariale di palazzo San Giorgio. Ecco perché i cittadini - conclude il dirigente di Forza Italia - che si stanno organizzando per una petizione popolare e, da quello che si intuisce, per una manifestazione di piazza chiedono la riapertura dell’impianto e un accorgimento particolare nei confronti di altre strutture che rappresentano il simbolo di quella Reggio bella e gentile che, ahinoi, anche per il governo degli ultimi anni continua a rimanere un ricordo”.

ROCCELLA JONICA. Il Gruppo Scout di Caulonia in visita alla Guardia costiera

ROCCELLA JONICA. Ieri, il gruppo Scout Caulonia “Santi Silvestro e Barbara” è stato in visita presso il Porto delle Grazie. L’evento, organizzato dal comandante dell’Ufficio circondariale marittimo, tenente di vascello Antonino Indelicato con il capo Gruppo Scout, ragionier Tobia Saraco, ha dato la possibilità agli esploratori di fare un’esperienza di apprendimento utile e diversa. All’interno degli uffici della Guardia costiera, i militari hanno trattato il tema della sicurezza, illustrando le principali regole di comportamento in mare, e hanno discusso degli altri compiti della Guardia costiera, dal controllo della pesca alla salvaguardia dell’ambiente, per i quali sono stati stimolati elevato interesse e curiosità, promuovendo e coinvolgendo i ragazzi alla cultura marinara. A seguire, il Gruppo ha potuto osservare da vicino e salire a bordo delle motovedette della Guardia costiera presenti nel Porto della Grazie, in particolare la CP 308, sempre in prima linea nei soccorsi, la CP 760, che svolge principalmente compiti di vigilanza anti immigrazione, la CP 531 impegnata nei controlli in materia di pesca. Oltre alla motovedette, è presente anche il battello pneumatico GC 305, impegnato nel periodo estivo nell’operazione Mare Sicuro.

ROCCELLA JONICA. Domani la cittadina jonica celebra il Bicentenario della fondazione dei carabinieri

ROCCELA JONICA. Domani, alle ore 20.30, si svolgerà nel largo “Rita Levi Montalcini”, nei pressi del lungomare, un evento celebrativo in onore dei 200 anni della fondazione dell’Arma dei carabinieri. L’evento è organizzato dall’Amministrazione comunale roccellese unitamente all’emittente “Telemia”, che ne curerà la diretta televisiva . Tenuto conto dell’importante contributo fornito alla comunità roccellese dall’Arma dei carabinieri, l’Amministrazione comunale, in ossequio ai suoi scopi di legalità e in riferimento alla continua promozione di un’educazione sociale dei propri cittadini, ha predisposto per l’occasione anche l’allestimento di uno stand espositivo dell’Arma, al fine di meglio illustrare le sue attività istituzionali. L’iniziativa celebrativa, alla quale sono state invitate autorità civili e militari, sarà arricchita, inoltre, da una mostra fotografica, da un concerto bandistico e dalla esibizione dell’artista Manuela Cricelli.

GIOIA TAURO. Intimidazione Sud Tv, Foti (FI): ‘così non si cresce’

Nino Foti
GIOIA TAURO. ‘L'intimidatorio attacco informatico subito la scorsa notte dall'emittente televisiva Sud Tv è un fatto grave e deplorevole. Spiace dirlo, ma la nostra terra così non può crescere’. E’ quanto dichiara in una nota il vice coordinatore regionale di Forza Italia Nino Foti. ‘Esprimo la mia piena solidarietà, - continua la nota - all'editore Massimo Sorrenti, al direttore di rete, Nino Spirlì e a tutti i ragazzi impegnati in questo nuovo progetto che hanno visto andare in fumo un lavoro durato oltre quattro mesi. Sono certo però che quanto accaduto non scalfirà la loro passione e la loro voglia di fare e li invito pertanto a proseguire il loro prezioso impegno. Mi auguro quindi, - conclude Foti - che anche gli organi di competenza aiutino a ripristinare lo stato delle cose facendo chiarezza sull'accaduto perché la libertà dell'informazione, che non può e non deve piegarsi di fronte a nulla, deve essere sempre tutelata’.

REGGIO CALABRIA. Concluso il 1° torneo di calcio a cinque ‘Titanic summer beach’

REGGIO CALABRIA. I giovanissimi calciatori della Ludos Vecchia Miniera, battendo in finale per 3 a 1 la Young Boys Palmi si sono aggiudicati il 1° torneo di calcio a cinque ‘Titanic summer beach’, organizzato dalla Scuola calcio GallicoCatona diretta magistralmente dagli istruttori Salvatore Ripepi, Nino Reitano, Enzo Dascola.
Al terzo posto si sono piazzati i bambini dell’HinterReggio che hanno superato 4 a 2 la Pro Reggina ’97. Al torneo riservato ai nati nel 2005-2006 hanno partecipato: Ludos vecchia miniera Reggio, Pro Reggina ’97, Internet point Scilla, GallicoCatona B, HinterReggio, Young Boys Palmi, GallicoCatona A, Santa Maria Salice. Le gare sono state tutte dirette dall’arbitro Giovanni Marcianò.
E’ stata una vera e propria festa di sport, che ha permesso, al numeroso pubblico accorso sul bel lungomare di Gallico Marina di assistere a magnifiche partite che hanno divertito e incuriosito tutti gli spettatori presenti.
A conclusione del 1° torneo di calcio a cinque ‘Titanic summer beach’, disputatosi nel campo in erba naturale posto nei pressi della pizzeria Titanic, l’ex gloria amaranto Ivan Franceschini, oggi allenatore del GallicoCatona, ha premiano i vincitori.

SAN ROBERTO. Presentato il libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio

SAN ROBERTO. Si è svolta nel Museo di Arte Contemporanea di Colelli, la presentazione del libro “500 regole. Un manuale per partecipare alla politica” di Antonio Scuticchio (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari, sono intervenuti Roberto Vizzari (sindaco di San Roberto), Antonio Giuseppe D'Agostino (direttore Cmnews), Salvatore Bellantone (editore), Antonio Scuticchio (autore del libro). Roberto Vizzari ha salutato i presenti e ha spiegato come la presentazione di 500 regole rappresenti la prosecuzione del percorso di valorizzazione della città di San Roberto, nel quale la realizzazione del Museo di Arte Contemporanea non è un punto di arrivo ma di inizio, intendendo il Museo come una casa della cultura all'interno della quale svolgere attività artistiche, letterarie, musicali e culturali che possano offrire

IGP OLIO DI CALABRIA. Assessore Rao: “Abbiamo portato a compimento un’opera estenuante di mediazione con il Comitato Promotore”

assessore Gaetano Rao
REGGIO CALABRIA. La trasferta catanzarese dell’assessore all’agricoltura della Provincia Gaetano Rao ha sortito, finalmente, esiti positivi e tanto auspicati per il settore dell’olivicoltura reggina. Presente, stamani, presso la sede del Dipartimento Agricoltura della Regione Calabria a Catanzaro, una folta delegazione di produttori ed Op agricole, al seguito dell’assessore provinciale Rao, accompagnato dal dirigente del Settore agricoltura della Provincia Luigi Rubino, all’incontro di disamina del disciplinare di produzione dell’Igp Olio di Calabria. Un vertice richiesto, a gran voce, da Gaetano Rao e formalizzato attraverso una lettera inviata al presidente del Comitato Promotore Igp Olio di Calabria Massimino Magliocchi, il quale, “ha dimostrato un’apertura al confronto delle “gravi preoccupazioni” avanzate dalla classe olivicola reggina che dissente sui contenuti del Disciplinare, così come, allo stato attuale, è concepito”. Finalmente, la querelle sul “caso” Igp Olio di Calabria è destinata, a partire da oggi, dopo il vertice Rao-Magliocchi, a segnare un passo diverso alla questione controversa che ruota tutta attorno ai contenuti del famoso art. 5 del Disciplinare di produzione che fissa al 70% la quantità necessaria di cultivar di origine “Carolea” ed al 30% le altre cultivar autoctone. “Abbiamo portato a compimento assieme ai tanti produttori olivicoli presenti, un’opera estenuante di mediazione con il Comitato Promotore, esortando lo stesso Presidente Magliocchi a vagliare con opportuna attenzione, le ripercussioni gravi e discriminatorie di un’eventuale adozione del Disciplinare di Produzione come delineato allo stato dei fatti”. “Oggi – esordisce Rao – annuncio con estrema soddisfazione che è stato segnato un traguardo importante di concertazione tra i soggetti proponenti e gli attori economici coinvolti sotto l’egida della Provincia di Reggio Calabria, rappresentata dal sottoscritto e portavoce della volontà del nostro Presidente Giuseppe Raffa di tutela dei diritti dei produttori reggini. Comunico, infatti, che è stata indetta una riunione tecnica presso la sede del Dipartimento regionale all’Agricoltura per il prossimo giovedì 7 agosto che avrà il compito precipuo di definire contenuti alternativi rispetto alla proposta di disciplinare in corso. In particolare, su indicazione della delegazione reggina e condivisa dal Dipartimento all’Agricoltura, il cui Dirigente Generale Giuseppe Zimbalatti ha svolto, oggi, un’importante opera di mediazione, è stato deciso di lavorare sull’identificazione di altre cultivar, caratterizzanti il legame con il territorio e la qualità varietale, superando la rigidità della necessaria prevalenza della cultivar “Carolea”.

LAMPEDUSA. Il saluto del sindaco Giusi Nicolini per la partenza dell'Esercito dall'Isola

sindaco Giusi Nicolini
LAMPEDUSA (AG). Si è svolta ieri la cerimonia di saluto dell'isola all'Esercito Italiano. La cerimonia ha avuto luogo alla presenza della popolazione che era presente numerosa, di molti turisti e delle autorità civili religiose e militari. Il sindaco di Lampedusa e Linosa, Giusi Nicolini, nel salutare i soldati dell'Esercito ha detto che "l'Isola in questo momento ricomincia a respirare e ad essere metà di turismo e questo anche grazie al grande lavoro dell'Esercito". Il sindaco ha poi continuato dicendo che "l'Esercito ha dato un esempio unico di come possano essere impiegate le Forze Armate in ambito umanitario. Mi auguro, - ha concluso Nicolini - che la partenza dell'esercito da Lampedusa sia l'auspicio a un uscita dalla crisi nel Mediterraneo ma so che in caso di necessità l'Esercito ci sarà! Anche voi siete oggi lampedusani. Al termine la Nicolini e il colonnello Marco Buscemi, comandante del raggruppamento Sicilia Occidentale dell'operazione "Strade Sicure", hanno deposto una corona al monumento ai caduti e lanciato un mazzo di fiori in mare dal molo Favarolo, tristemente noto per il naufragio dello scorso 3 ottobre.

REGGIO CALABRIA. Incendio distrugge due abitazioni a San Gregorio

REGGIO CALABRIA. Duro lavoro ieri pomeriggio per i Vigili del fuoco del Comando provinciale che, intorno alle ore 14, per cause in corso di accertamento, hanno dovuto fronteggiare un violento incendio sviluppatosi all’interno di un’abitazione utilizzata come residenza estiva. Nonostante il tempestivo intervento di due squadre con altrettante autopompe, l’immobile ci circa 65 mq, edificato in località San Gregorio proprio al di sotto della stazione ferroviaria, è stato completamente distrutto dalle fiamme, che hanno anche interessato un analoga abitazione attigua, anch’essa irrimediabilmente danneggiata dall’incendio. Interrotto per circa un’ora il traffico ferroviario, per permettere ai pompieri di distendere le tubazioni ed agevolare così le operazioni di spegnimento, a causa dell’inaccessibilità dei luoghi agli automezzi di soccorso.

CANILE MORTARA. Interrogazione parlamentare del M5S per recuperare subito la struttura

ROMA. Arriva anche al Senato la battaglia dei volontari dell’associazione Dacci una zampa per l’apertura del canile municipale di Mortara di Pellaro, la struttura finanziata con 650mila euro del Decreto Reggio, conclusa nel 2006, inaugurata nel 2008 e mai entrata in funzione. Le denunce della storica associazione animalista, divenuta punto di riferimento per la lotta al randagismo a Reggio Calabria, sono state raccolte dal movimento Cinque Stelle, che attraverso il suo senatore Francesco Molinari ha presentato un’interrogazione parlamentare sulla questione ai Ministri della Salute e dell’Interno. “Non è un mistero – si legge nella nota diffusa al riguardo dai pentastellati - che alcune province della nostra regione vivano una vera e propria emergenza randagismo e Reggio Calabria, più che una di queste, ne è l'emblema. La città, infatti, non dispone di una struttura deputata alla cura ed alla custodia degli animali randagi. A mancare, poi, è la volontà di risolvere il problema scaricando sempre a un ipotetico “domani” ogni intervento”. E sono precisi i Cinque Stelle nel denunciare che “la prossima "città metropolitana" di Reggio Calabria, amministrata commissarialmente in modo non brillante, vista l'impossibilità di collocare i cani vaganti presso una struttura propria, si trova costretta a stipulare convenzioni con soggetti terzi, dislocati in ambito provinciale (spesso sprovvisti di tutte le prescritte autorizzazioni normativo-tecniche) e con importanti esborsi di denaro pubblico”.  A sostegno della propria tesi,  nel testo dell’interrogazione il senatore Molinaro  segnala infatti “un mese fa è scaduto l’ultimo bando pubblico nel quale venivano, per una previsione di 800 cani da accalappiare, stanziati ben 660.000  euro per la

REGGIO CALABRIA. Rimossi dai Vigili del fuoco intonaci e cornicioni pericolanti dell’edificio ex cinema Orchidea

REGGIO CALABRIA. Una squadra dei Vigili del fuoco del Comando provinciale è intervenuta, intorno alle ore 18:30 di ieri, per rimuovere alcuni pezzi di intonaco e cornicioni dal prospetto dell’edificio ex cinema Orchidea, sito sul trafficatissimo corso Vittorio Emanuele. Alcuni passanti, preoccupati da alcuni distacchi di intonaco avvenuti nel pomeriggio, hanno allertato la sala operativa provinciale dei Vigili del fuoco, che ha immediatamente inviato una squadra, supportata anche da un’autoscala, per la rimozione dei pezzi pericolanti a salvaguardia dell’incolumità dei cittadini e per mettere in sicurezza la zona oggetto di attenzione.

REGGIO CALABRIA. Conferenza stampa di Usb e Cisal sull'università Mediterranea

REGGIO CALABRIA. Si è svolta all'università la Mediterranea la conferenza stampa indetta dalla Usb e Cisal, nel corso della quale si è evidenziata la gravissima situazione in cui versa l'ateneo. La presenza dei rappresentanti nazionali dei due sindacati dà un'idea di quanto la questione di Reggio non sia soltanto una questione locale, ma di come si innesti perfettamente nell'attacco sistematico alla pubblica amministrazione mirando al suo smantellamento a partire dai settori cultura e salute. Particolare preoccupazione desta il progetto di fusione tra l'università di Reggio e quella di Messina, al quale l'Ateneo calabrese partecipa in una posizione di debolezza. Infatti, malgrado le trionfali dichiarazioni del Rettore, la “Mediterranea” è stata purtroppo collocata al penultimo posto nella classifica Censis-Repubblica degli atenei di piccole dimensioni. Inoltre il processo sta andando avanti già da alcuni mesi nell'incredibile silenzio della Mediterranea, mentre l’ateneo Messinese ha costituito la commissione per la federazione tra le due università dello stretto. Il passaggio istituzionale è stato correttamente approvato dal SA e Cda messinesi e reso noto in modo trasparente anche attraverso pubblicazioni sul sito web d’ateneo. In tutti i casi, a prescindere dai giudizi su questo progetto federativo, rispetto al quale c'è comunque la forte preoccupazione di Usb e Cisal e Rsu di ateneo, desta sconcerto la totale assenza di democrazia e trasparenza dell’ateneo reggino. Infatti dalla sponda calabrese nulla è dato sapere se gli organi di governo della mediterranea abbiano deliberato la costituzione di una commissione delegata al progetto federativo in fieri, sia nel mandato, sia nei nominativi dei componenti incaricati. Il rettore Catanoso, a fronte delle ripetute richieste formali da parte della Rsu e Usb non si è neppure curato di darvi riscontro. La chiusura del Rettore Catanoso si palesa anche nella non volontà di condurre relazioni sindacali corrette, trasparenti e orientate al costruttivo confronto con i soggetti sindacali. Infatti lo stesso non ha mai ritenuto di dare riscontro alle numerose richieste di informazioni (dovute per disposizioni contrattuali) formulate dalle organizzazioni sindacali e dalla Rsu. A titolo di esempio tra le numerose inadempienze della governance svetta la modalità con cui sono stati deliberati dagli organi di governo il Piano della Perfomance 2013-2015 e il nuovo Sistema di valutazione del personale tecnico amministrativo. Tali strumenti sono stati approvati fuori tempo massimo, addirittura a novembre 2013, e senza la dovuta informazione preventiva ai sindacati. A seguito della ferma opposizione condotta dalla Rsu e dalle organizzazioni sindacali (eccetto Cisl) sono emersi elementi tali di illogicità e incoerenza del neonato Sistema di valutazione, da indurre l’ateneo ad un imbarazzante e maldestro aggiustamento, concretizzatosi nell’ormai famoso accordo sindacale del 22/4/2014 che paradossalmente ha visto la complicità dei soliti “diligenti sindacati” che hanno avallato la nuova scheda di valutazione del personale, addirittura peggiorativa rispetto a quella da essi stessi contestata. Ovviamente Usb, Cisal e la Rsu oltre a non apporre la firma sull’accordo citato, hanno manifestato le motivazioni del dissenso attraverso dichiarazioni a verbale e comunicati al personale e agli organi di stampa. Questo succede all'Ateneo di Reggio Calabria. Attraverso la conferenza stampa, si è ritenuto di fornire una corretta informazione ai cittadini di Reggio ed all'opinione pubblica in generale su questa grave situazione e sui rischi che sta correndo la Mediterranea in termini di assenza di democrazia e di rispetto nei confronti del personale tecnico amministrativo e alle parti sociali che li rappresentano.

STILO. Il Palio di Ribusa diventa...maggiorenne

STILO. Sabato 23 e domenica 24 agosto. Sarà proprio in queste due giornate che sarà rievocata la vita medievale a Stilo, antica contea di Calabria, nella quale il visitatore potrà immergersi rivivendo un’epoca ricca di fascino e mistero, il tutto ambientato nello scenario naturale del Borgo Stilese di fine ‘300 (XIV secolo); grazie al contributo della Provincia di Reggio Calabria e alla Regione Calabria, la “Città del Sole” tornerà ad ospitare, per l’appunto, i fasti e le bellezze del Palio di Ribusa, la manifestazione che ogni anno ripropone la fiera signorilità della Civitas Styli, che Re Roberto nel 1339 chiamò "sua terra" e Giovanni d'Austria identificò come "fedelissima". Tante ore di spettacolo, circa duecento tra artisti e comparse coinvolti in rappresentazioni di vario genere: rievocazioni storiche, combattimenti, artisti di strada, musici, danze ed incursioni teatrali. Il Palio di Ribusa, che raggiunge la sua XVIII edizione, anche per il 2014 si confermerà tra gli eventi più seguiti dell’Estate Calabrese. Ripresa nel 1997, dopo una parentesi di 280 anni, la kermesse è ancora capace di coinvolgere gli abitanti della Contea Stilensys per organizzare le tante spettacolazioni offerte in stile medievale; decine di eventi animeranno il cuore dell'antico Borgo, un tuffo nel passato che non mancherà di regalare forti emozioni a grandi e piccini, che assisteranno ad eventi spettacolari e culturali. I visitatori si lasceranno catturare dai giochi di fuoco e dalle rappresentazioni in scena tra le vie del centro storico. Un miscuglio di suoni, immagini e spettacoli, che godranno fino in fondo l’atmosfera che si respirava all’interno di una antica fortificazione medievale, ascoltando cantastorie o visitando gli angoli del borgo che ospitano giocolieri e saltimbanchi. Un’esperienza culturale durante la quale le migliaia di ospiti assaggeranno, altresì, le specialità gastronomiche della Valle dello Stilaro preparate dalle antiche hostarie ubicate nei vari punti ristoro dislocati lungo tutto il percorso urbano. Lo scopo della manifestazione è quello di far rivivere fasti e tradizioni di un tempo ormai lontano, perduto quasi, facendo una full immersion nella storia e nella cultura locale che ha contraddistinto una delle città medievali più importanti della Calabria Ultra, sarà anche possibile degustare piatti e prodotti tipici del nostro territorio; inoltre l'antica fiera fa da sfondo alla Giostra dell'Anello che proclama vincitore uno dei cinque casali storici di Stilo e manterrà l'artistico Palio per un anno esibendolo nel Palazzo Cittadino, oggi detenuto proprio dall’antica contea. Stilo: la "Città del Sole" di fra’ Tommaso Campanella, la sede "vescovil vetusta e regia", la Perla Bizantina di Calabria, che Ti accoglie da Turista e Ti saluta da Amico.

REGGIO CALABRIA. Falduto (buonsenso Italia): “l’opportunità dell’Expo è da accettare immediatamente”

REGGIO CALABRIA. In questi giorni nella Marina di Porto Bolaro si è ormeggiata una bellissima imbarcazione, con a bordo i proprietari, dei gentili ed importanti industriali svizzeri i quali hanno deciso di fermarsi nella Marina di Porto Bolaro perché la stessa è vicinissima all’aeroporto ed offre un mare pulito e trasparente oltre a tante altre comodità; ci siamo subito prodigati a dare ai nostri ospiti tutte le notizie che potessero consentire loro di trascorrere il tempo di permanenza nella nostra città nel migliore dei modi e quindi li abbiamo accompagnati al Museo per far conoscere i famosi Bronzi di Riace, che non conoscevano e non sapevano neanche l’esistenza a Reggio Calabria del Museo piu’ importante della Magna Grecia. Tutto ciò premesso, per far capire ai soliti ‘’conservatori del nulla ‘’che l’opportunità dell’Expo non solo è da accettare immediatamente ma bisogna ringraziare pubblicamente chi si impegnerà a concretizzare questa possibilità di mettere a conoscenza del mondo intero le meraviglie conservate gelosamente dalla burocrazia e dagli stolti acculturati di Reggio. Basta con l’autoesaltazione della nostra Città, bisogna avere il coraggio e l’umiltà di aprirsi al mondo, smettendola di fare pubblicità dei bronzi sulla Via Marina o con qualche striminzita locandina in qualche fiera riservata ai soliti Presidenti, Vicepresidenti, Consiglieri e dirigenti regionali e camerali che riescono solo a farsi le vacanze a spese della collettività. Signor Ministro Franceschini, gli imprenditori e tutti i cittadini che hanno a cuore la sorte della città di Reggio le saranno infinitamente grati se riuscirà a far diventare I Bronzi di Riace il Simbolo dell’Italia, nella Bellezza Culturale, nell’occasione unica e storica dell’Expo di Milano.
Giuseppe Falduto

LETOJANNI. Conclusa la terza edizione dei “Cuori senza Frontiere”

LETOJANNI (ME). Il Consiglio provinciale Fratres Messina, con la collaborazione dei suoi Giovani Fratres, ha, infatti, organizzato questa manifestazione ottenendo riscontri più che positivi. Sono state ben 8 le squadre ad iscriversi e sfidarsi in nome della donazione del sangue, degli organi e del midollo osseo. Il pomeriggio e la serata sono stati animati dalla milazzese Dimensione Radio con il programma Sosta Vietata, condotto da Francesco Pellegrino e Stefano Freni. L’evento ha visto l’apertura alle ore 18 con la coinvolgente esibizione della catanese “Sicania West” Country Line Dance, attirando grandi e piccini. I ballerini sono reduci dai campionati europei di ballo country tenutisi in Olanda dove sono riusciti ad ottenere parecchi riconoscimenti. Non potevano certo mancare gli interventi – brevi, ma incisivi – di molte personalità del campo: il presidente provinciale Aido Prof. Guido Bellinghieri; il Presidente provinciale Admo Salvatore Parrino; il Presidente dell’Avis comunale Val d’Agrò di S. Teresa di Riva Maurizio Crisafulli, il Presidente dell’Associazione Onlus Fabrizio Ripa di Villafranca Tirrena Sig. Giovanni Ripa, la Fratres con Carmela Micalizzi (Presidente del Consiglio provinciale Messina), Valeria Turelli (Referente nazionale della Consulta Giovani Fratres) e Pinuccio Nomefermo (attuale referente provinciale dei Giovani Fratres Messina) e, per ultima (non certo per importanza), la Dott.ssa Tuena Giovanna Puglia in rappresentanza dell’Associazione Dispari Onlus di S. Teresa di Riva in

giovedì 31 luglio 2014

REGGIO CALABRIA. Operazione Mauser: i particolari

REGGIO CALABRIA. Le rivelazioni di una pentita, legata da vincoli familiari con la cosca Cacciola di Rosarno, hanno portato all'arresto, da parte dei carabinieri del Comando provinciale, di 16 presunti affiliati al clan per traffico internazionale di droga. La donna, secondo quanto emerso dalle indagini della Dda reggina, era stata ridotta in schiavitù e costretta alla segregazione perché ritenuta colpevole del suicidio del marito, appartenente alla medesima cosca. L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip Antonio Scortecci è stata eseguita dai militari dell’Arma in provincia di Reggio Calabria, Germania e Olanda, in collaborazione con i collaterali organismi di polizia olandesi e tedeschi. Gli arrestati devono rispondere, a vario titolo, dei reati di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti; concorso in più episodi di produzione e traffico illecito di sostanze stupefacenti anche di ingenti quantità; concorso in riduzione o mantenimento in schiavitù o in servitù; concorso in sequestro di persona. L’attività investigativa, avviata nell’ottobre del 2006, ha messo in luce, da un lato la commissione di reati contro la persona nei confronti della collaboratrice di giustizia Giuseppina Multari commessi da appartenenti alla famiglia Cacciola di Rosarno, dall’altra l’esistenza di uno stabile sodalizio criminale dedito alla commercializzazione di sostanza stupefacente, insediato sul territorio della provincia di Reggio Calabria, con ramificazioni in nord Europa, organizzato da membri delle famiglie Cacciola e Curmace.
video
L’attività investigativa ha preso le mosse dalle dichiarazioni rese da Giuseppina Multari, oggi collaboratrice di giustizia destinataria di misure di protezione, la quale, dopo il suicidio del marito Antonio Cacciola, avvenuto il 13 novembre 2005, fornì informazioni su una serie di attività criminali riconducibili a soggetti facenti capo alle famiglie Cacciola-Curmace. In particolare, in data 30 settembre 2006, il padre della collaboratrice di giustizia, consegnava una lettera fattagli pervenire dalla figlia Giuseppina, in cui la stessa rappresentava la difficile situazione in cui era stata costretta a vivere dopo la morte del marito, presso l’edificio in cui dimorava la famiglia del consorte. Dal 2 ottobre 2006, Giuseppina Multari rendeva dichiarazioni su attività illecite commesse dai parenti del marito, consentendo il rinvenimento di numerose armi e munizioni anche da guerra (sia abilmente occultati, che nella pronta disponibilità dei Cacciola), denaro, sostanza da taglio e di un bunker destinato alla latitanza di Gregorio Bellocco e forniva una serie di

SIDERNO. La Guardia costiera presta assistenza a un bialbero

SIDERNO. La scorsa notte la Guardia costiera ha prestato assistenza ad una imbarcazione in avaria. La centrale operativa dell’Ufficio circondariale marittimo - Guardia costiera di Roccella Jonica ha coordinato le operazioni di soccorso dell’unità da diporto a vela in avaria nello specchio acqueo antistante Siderno. “Intorno alle ore 21.30, a seguito di richiesta di assistenza da parte del signor A. B., è stata immediatamente inviata in zona la motovedetta CP 760 dislocata nel porto di Roccella che dopo aver constatato le buone condizioni di salute delle quattro persone presenti a bordo (tre italiani e un albanese) ha constatato il mal funzionamento dell’apparato motore. Sul posto è stata riscontata l’assenza di vento che ha impedito la navigazione a vela. L’unità, imbarcazione a vela bialbero di colore bianco di lunghezza 15 metri circa, è stata rimorchiata presso Porto delle Grazie di Roccella Jonica dal motopeschereccio ‘Silvana Madre’ che ha mollato gli ormeggi dal porto di Roccella, con l’assistenza della motovedetta della Guardia costiera. Si rammenta che il numero per le emergenze in mare 1530 rappresenta un filo diretto tra le Capitanerie di porto e gli utenti per una pronta assistenza in caso di necessità.

REGGIO CALABRIA. Sabato la presentazione della 7ª Americana Gara Internazionale - Trofeo Francesco Verduci

REGGIO CALABRIA. Il Comitato regionale della Federazione italiana di Atletica Leggera, con il contributo della Provincia, organizza la settima edizione dell’Americana Gara Internazionale - Trofeo Francesco Verduci, in programma a Motta San Giovanni il prossimo 3 agosto. L’evento sarà presentato agli organi d’informazione e agli addetti ai lavori durante la conferenza stampa indetta per sabato 2 agosto, alle ore 11, presso il Palazzo storico della Provincia. Alla conferenza stampa prenderanno parte il presidente della Provincia Giuseppe Raffa, il vicepresidente Giovanni Verduci, il presidente del Coni Calabria Mimmo Praticò, il presidente Fidal-Calabria Ignazio Vita, il responsabile organizzativo Domenico Ambrogio, lo speaker della maratona Lodovico Nerli Ballati e i rappresentanti delle istituzioni che patrocinano l’evento. Sono ormai trascorsi più di 30 anni da quando Francesco Verduci fondò a Motta San Giovanni il Gruppo sportivo Mottese. Da allora egli diede un grande apporto nel

REGGIO CALABRIA. Aperte le iscrizioni al laboratorio “Vita da clown…in equilibrio tra denuncia e poesia”

REGGIO CALABRIA. Il laboratorio “Vita da clown…in equilibrio tra denuncia e poesia” diretto da Santo Nicito, porterà i partecipanti a scoprire e dare vita a un personaggio che vive inevitabilmente in una terra di mezzo, in equilibrio tra ordine e caos, tra poesia e denuncia. Un personaggio che trova la sua massima ispirazione nelle zone di confine. Il clown è abilissimo a de-strutturare le brutture umane, non è schiavo delle idee degli uomini, che riesce a trasformarne le debolezze, i limiti, le contraddizioni.. Il laboratorio è un’esperienza significativa che vuole valorizzare e far capire la ricchezza delle differenze dell’unicità di ogni individuo. Mette al centro la persona con il suo corpo, la sua voce, il suo movimento, le sue emozioni, le sue narrazioni, la sua possibilità di vivere lo spazio e la sua dimensione relazionale.  Durante il laboratorio si svilupperà la concentrazione, l’equilibrio, la collaborazione, la capacità di prendersi in giro, di ridere di sé, di sdrammatizzare e drammatizzare i propri limiti. I contenuti del laboratorio, rivolto a max 20 persone, saranno: la storia del clown, il clown rosso e il clown bianco, principi di trucco e costume, principi sulla costruzione del proprio personaggio, tecniche di base, improvvisazioni e gag, uso dello spazio scenico. 
Il percorso promosso e curato dall’Associazione Pagliacci Clandestini avrà inizio il 27 agosto e terminerà il 31 dello stesso mese. Il termine ultimo per poter aderire è il 25 agosto. Il costo è di 80 euro a persona. Verrà rilasciato un attestato di partecipazione.  Per maggiori informazioni e richiedere il modulo iscrizione: info@pagliacciclandestini.it – cell. 3493254632 – Web site www.pagliacciclandestini.org – Facebook: pagliacci clandestini.
SANTO NICITO inizia il suo percorso di clown con il maestro Leris Colombaioni. A Barcellona (Spagna) nella sede del Circ Cric (Centro di ricerca delle arti del circo) studia con i maestri Claret Papiol, Tortell Poltrona, Martìn Curletto, Joan Ramon Graell. Al teatro Vittoria di Roma segue lo stage avanzato sulla clownerie diretto da Davide Larible a Roma. Svolge la sua attività di clown negli ospedali, nei centri anziani, nei campi rom, nei quartieri a rischio, nei campi di accoglienza profughi e nelle comunità per tossicodipendenti. Inoltre partecipa a progetti di cooperazione internazionale in Amazzonia con la ong “Saude y Alegria”. Partecipa a diverse sessione dell’Universita’ del Teatro Eurasiano diretta da Eugenio Barba Nel 2010 fonda a Reggio Calabria il gruppo Pagliacci ClanDestini. Direttore Artistico 3° Festival Internazionale Artisti di Strada On The Road di Reggio Calabria. Dal 2010 responsabile e coordinatore del progetto “Pagliacci in ospedale” promosso dall’Associazione Pagliacci Clandestini nei reparti di pediatria degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, Polistena e Locri.

PUGILATO. Sabato ‘Boxe sotto le stelle’ ospite della città di Bianco

BIANCO. E' ormai quasi tutto pronto per la quarta tappa di Summer boxe 2014, manifestazione ideata dai promoter Carmelo Regolo e Leone D'Andrea ed organizzata ancora una volta dal team Amaranto Boxe-Shanti Vibo-Flash Natoli in collaborazione con la Techlive di Angelo Trimboli e la Palestra Olympia club del maestro Salvatore Romeo. Saranno 12 i combattimenti che si svolgeranno sul ring allestito nella centralissima Piazza Cinque martiri (zona Municipio) sabato 2 agosto con inizio alle ore 21. Il team amaranto si batterà con una squadra composta da pugili provenienti dalla Puglia e dalla Sicilia. I match clou della serata vedranno protagonisti i due Elite Angelo Trimboli (pupillo locale) ed Antonino Vazzana. Sono in programma anche due match femminili con le due ragazze calabresi Floriana Tringali e Marianna Nanci che saranno opposte a due atlete siciliane. A difendere i colori amaranto saliranno sul ring anche i forti picchiatori Andrea boom boom Matiz, Filippo Corello, Vincenzo Cutrullà, Gianluca Andronico e Diego De Pasquale. Poi sarà la volta vice campione italiano Giuseppe Osnato (che appena terminato il match dovrà immediatamente recarsi a Santa Maria degli Angeli per un raduno con la Nazionale dal 3 al 9 agosto. Osnato che è cresciuto sotto le cure del tecnico Raffaele De Stefano presso al Palestra Kickboxing Cosenza, è già titolare nella Nazionale di Kick Boxing). Quindi sarà il turno del bravo Amhed Sconzo, di Giovanni Raffa e Salvo Coluccio. I tecnici che guideranno pugili oltre al maestro Peppe Fedele, saranno Salvatore Pace, Tonino Renzo, Aldo Facciolo, Alfredo Natoli e Raffaele De Stefano. Oltre al pugilato ci saranno esibizioni di kick boxing ed altro ancora. Domani sarà reso noto il programma ufficiale della serata con l'elenco completo di tutti gli incontri e di tutte le esibizioni. Una serata che si preannuncia spettacolare, con tanto divertimento, e gli organizzatori attendono il pubblico delle grandi occasioni.

REGGIO CALABRIA. Il plauso della Cidec per l’attività di contrasto all’abusivismo commerciale della Polizia municipale

REGGIO CALABRIA. La Cidec reggina saluta con gratitudine l’attività di contrasto all’abusivismo commerciale messa in campo dal Comando di Polizia municipale che, raccogliendo il nostro invito, seguito all’incontro da noi promosso sul tema con la Prefettura, sta profondendo ogni sforzo possibile per tenere sotto controllo un fenomeno che nei mesi estivi diventa davvero preoccupante. “Il controllo del territorio è fondamentale per evitare abusi e illeciti che vanno tutti a detrimento dei commercianti onesti che pagano le tasse e concorrono lealmente sul mercato”… ad affermarlo il presidente provinciale della Cidec Giuseppe Martorano …”da qualche anno ormai la Cidec si è fatta portavoce di questa battaglia per la legalità e il decoro, impegnandosi a mantenere alta l’attenzione su un fenomeno che, se trascurato, rischia di assumere dimensioni preoccupanti. Per questo siamo grati alle Forze dell’Ordine, e in particolare al Comando della Polizia municipale, che hanno intensificato i controlli sul territorio e che, con la loro attività, fanno sentire meno isolati i commercianti che onestamente svolgono la loro attività”…Un ringraziamento va anche al Prefetto di Reggio Calabria che ha provveduto ad inserire questa attività nell’ambito di un più vasto programma di contrasto all’illegalità che, siamo convinti, darà i suoi frutti.

BAGNARA CALABRA. Domani la presentazione del romanzo “Moira” di Giuseppe Bagnato

BAGNARA CALABRA. Domani alle ore 21:30, presso la piazza Matteotti, all'interno del 49° Gran Galà del Pescespada, promosso dall'Associazione turistica Pro Loco, sarà presentato il romanzo “Moira” di Giuseppe Bagnato (Disoblio Edizioni). Alla presentazione, moderata da Maria Francesca Fassari (redattrice), interverranno: Cesare Zappia (sindaco di Bagnara Calabra), Giuseppe Spoleti (assessore alla Cultura di Bagnara Calabra), Orlando Fazzolari (sindaco di Varapodio), Bruno Ienco (presidente Pro Loco di Bagnara Calabra), Vincenzo Laurendi (scrittore e giornalista), Salvatore Bellantone (editore). Sarà presente l'autore. Un giovane innamorato degli alberi di ulivo e del mare sullo Stretto incontra una ragazza dagli occhi spenti in una casetta di montagna. Capisce di essere strettamente legato a lei, in maniera segreta, invisibile e incomprensibile. E questa consapevolezza si rafforza nel momento in cui la fanciulla scompare improvvisamente. Partendo assieme a Ciccio alla ricerca di Moira, il lettore si ritroverà immerso in un itinerario tra i paesaggi più incantevoli della Calabria, destinati a diventare una metafora dei pensieri e delle emozioni più nascoste alla propria coscienza. Raggelanti misteri e peripezie attendono Ciccio, ma anche insopportabili rivelazioni. E se la ricerca di Moira coincidesse con la scoperta della propria vera identità?
GIUSEPPE BAGNATO è nato a Varapodio nel 1971, dove attualmente vive e svolge la professione di contadino. Ha già pubblicato Caino, Lucifero e il piccolo fioraio (2004) e Fiore Avvelenato (Il filo, 2008). Nel 2005 ha ricevuto la Targa Navi e Naviganti partecipando al “Premio Anoia Salvatore Gemelli”. La presentazione sarà seguita dal Pure Southern Rock dei Southern Gentlemen League.

REGGIO CALABRIA. Presentato alla Luna Ribelle il Face Festival

REGGIO CALABRIA. Si è svolta ieri alla Luna Ribelle la conferenza stampa di presentazione del Face, Festival dell’Arte, della Creatività e dell’Ecocultura. L'evento, che torna dopo quattro anni nel luogo che lo ha visto nascere, il Parco Ecolandia di Arghillà, ha tentato nel corso di tre edizioni (dal 2007 al 2009) di scuotere le coscienze, troppo spesso assopite, sull'urgenza dell'agire e sul coinvolgimento di tutti per attivare una spirale di cambiamento attraverso l'arte e la creatività come forme di rinnovamento culturale e sociale. «Il progetto – racconta il direttore artistico Paolo Genoese – è nato in una serata tra amici ascoltando una canzone di De Andrè, “Canzone del maggio”, che in un verso recita: “per quanto vi crediate assolti siete lo stesso coinvolti”. Da qui l'idea di provare a fare qualcosa per un territorio che troppo spesso viene calpestato. Abbiamo cominciato a pensare all'arte, – spiega – alla musica, alla creatività e ad un luogo, Ecolandia, al quale sono molto legato». Nel corso delle passate edizioni il Face, grande contenitore di creatività, espressione artistica e sensibilità ambientale, ha ospitato oltre 150 artisti e, tra i nomi di rilievo internazionale, ha ricevuto l'adesione di “The Climate Project” di Al Gore e la partecipazione del gruppo artistico Studio Azzurro. Durante la conferenza stampa, moderata da Vincenzo Comi di Citynow (media partner dell'evento), sono stati illustrati i dettagli della manifestazione che si svolgerà dall'1 al 10 agosto. «Gli artisti in mostra – spiega Paolo Albanese, direttore artistico del Face – saranno circa 60 con diversi linguaggi espressivi: fotografia, pittura dal vivo, scultura, video e cortometraggi. Nelle serata di punta dell'1, 6 e 10 agosto sono previste poi delle

PIZZO CALABRO. Domani la 5^ edizione di "Pizzo come Buenos Aires"

PIZZO CALABRO (VV). Domani 1° agosto, nella splendida cornice di piazza della Repubblica, a partire dalle ore 22,  avrà luogo la manifestazione "Pizzo come Buenos Aires" giunta alla 5^ edizione. Per l'occasione è previsto il concerto del trio Ruben Eloni & Los Tanturi (artisti di caratura internazionale) che allieterà la serata danzante, cosiddetta Milonga, nel corso della quale si diletteranno Tangueri che per l'occasione giungeranno, come di consueto, da diverse parti d'Italia. L'importante manifestazione, patrocinata dal Comune, vedrà la partecipazione di Francesco Paney Y Eva Petruzzi, pregevoli ballerini napitini già campioni Italiani e vincitori della coppa del mondo. Lo scopo dell'iniziativa è quello di promuovere il Tango Argentino (dichiarato nel 2009 dall'Unesco patrimonio culturale dell'umanità) in tutte le sue espressioni ed eccellenze.

VIAGRANDE. Ai nastri partenza la tre giorni di cinema indipendente

VIAGRANDE (CT). Tutto pronto per la tre giorni dedicata al grande cinema indipendente ne La Terra di Bò (Villa Di Bella, via Garibaldi 298). La VII edizione di State aKorti, Festival del cortometraggio comico-umoristico, si presenta in una veste nuova che conferma il gemellaggio con il MizzicaFilm (il Festival itinerante per statuto e originale per definizione, dove si vince una stretta di mano) e ne sugella di nuove, proprio come quelle con l’Accademia di Belle Arti di Catania, i Viagrande Studios, il Cineturista.it, il Centro Iqbal Masih e i Briganti di Librino. Ai blocchi di partenza, dunque, per venerdì 1 agosto alle 20:30, con la serata di premiazione del MizzicaFilm, durante la quale, i giurati (Nino Genovese, Miriam Letizia Visalli, Giuseppe Tumino e Dario Riggio) sveleranno i vincitori della sezione cortometraggio e della sezione videoclip. Durante la serata sarà ospite l’attore Domenico Centamore. Giorno 1, inoltre, si terrà il Cineturista Viral Contest e sarà inaugurata la mostra, curata da Sebastiano Gesù, «Cantami o Diva…» dedicata alle donne del cinema muto. Sabato 2 agosto, invece, la giornata centrale con State aKorti. Il programma comincia con una Tavola rotonda dedicata alla presentazione del nuovo progetto promosso e realizzato dalla Dibo Eventi in collaborazione con la Film Commission siciliana: «Mov(i)e in Sicily». Un’idea che mira a promuovere il cineturismo in Sicilia, un’applicazione innovativa (e gratuita) capace di segnalare (e fare vedere contestualmente sullo smartphone) quelle aree scelte come location

mercoledì 30 luglio 2014

REGGIO CALABRIA. Condannati dal Gup un avvocato e i familiari di Maria Concetta Cacciola

Maria Concetta Cacciola
REGGIO CALABRIA. Un avvocato del Foro di Palmi con studio a Rosarno e i familiari di Maria Concetta Cacciola, la testimone di giustizia morta con l'acido nel 2011, sono stati condannati dal Gup per le minacce e le violenze inflitte alla donna per indurla a ritrattare le accuse contro la famiglia e la cosca Bellocco di Rosarno. Condannati il padre di Maria Concetta, Michele Cacciola (6 anni e 6 mesi), il fratello Giuseppe (5 anni e 8 mesi), la madre Anna Rosalba Lazzaro (4 anni e 10 mesi) e l'avvocato Vittorio Pisani (4 anni e 6 mesi).

REGGIO CALABRIA. Roy Biasi (FI): “Cultura al primo posto, la Calabria deve ripartire da qui”

Roy Biasi
REGGIO CALABRIA. Quello andato in scena oggi è un ottimo esempio della Calabria che vogliamo e di quello che in particolare Forza Italia vuole per la nostra terra. Un incontro estremamente positivo, per il quale ringrazio nuovamente Edoardo Sylos Labini, che ha tracciato le linee guida di un pezzo importante della Forza Italia che si sta via via delineando come il Dipartimento Cultura. Un punto fermo dal quale proprio in Calabria si deve ripartire visto che la Calabria rappresenta per l'Italia un valore aggiunto, di tradizione, di cultura, di passioni ed energie che possono e devono fungere da volano per la ripresa del nostro Paese. E’ quanto dichiara in una nota il coordinatore di Forza Italia per la Provincia di Reggio Calabria Roy Biasi, in

ROSSANO. Sold out per Ray Scona e sabato arriva la Jenkins

ROSSANO (CS). Sold out, lo scorso lunedì, per la prima serata della dodicesima edizione del Memorial “Marco Fiume Blues Passion”, che ancora una volta è riuscito a calamitare le attenzioni degli amanti della black music, giunti a Rossano da ogni angolo del meridione: Calabria ionica e tirrenica e non solo! Ovviamente elevatissima la qualità della serata con un superlativo Kirk Fletcher ed un armonioso Ray Scona che accompagnati dalle note dei The Gamblers hanno allietato, per circa tre ore, il vasto parterre di ospiti. Il tutto accompagnato dalle gustose e raffinate pietanze della cucina e della suggestiva location offerte dal Pascià restaurant. Una notte di grande blues ed enogastronomia che è già pronta ad essere replicata per la seconda ed ultima serata del XII MFBP, in programma per il prossimo sabato 2 agosto a partire dalle 21. Allorquando il carpet del Pascià si dipingerà di rosa per l’attesa esibizione di una delle voci più calde e sensuali del panorama musicale afroamericano: Juwana Jenkins. Ad accompagnare la cantante originaria di Philadelphia, sarà la “Mario Federico Band. Insomma un’altra serata che si annuncia ricca di emozioni e ottima musica. Infatti, oltre l'indiscusso fascino che esercita visivamente, Juwana Jenkins è riconoscibile per il suo marchio di fabbrica “feel good”: il suo show energico e travolgente, delizia e coinvolge il pubblico che non può fare a meno di muoversi e ballare. Juwana ha cantato, ballato e recitato sui palchi di Stati Uniti, Europa e Asia, lavorando sempre con grandissimi nomi della scena Blues mondiale.
Prima di iniziare la sua carriera solista, è stata per 15 anni la front woman di diverse band come la Tonny's Blues Band, Murphy Band e Tina Turner Tribute, artista con cui ha condiviso il palco. Il suo ultimo album “The Blues Keeps You Alive”, realizzato in collaborazione con l'armonicista Charlie Slavik, è un viaggio ruvido e grezzo attraverso l'America, sulle note di canzoni originali che mettono in evidenza diverse sfumature del Blues, tra cui West Coast, Swing, Mississippi Delta, Memphis Soul, Chicago Blues, Detroit Motown, Gospel e Early funk. Nel suo tour italiano Juwana è accompagnata dal gruppo “Mario Federico Band” (Juwana Jenkins, voce; Mario Federico, chitarra; Marco Cattolico, basso; Maurizio Conte, batteria). "The Blues Queen" sono un gruppo musicale trascinato dall'esperienza internazionale di Mario Federico, appunto, e Alessandra Bene, che insieme hanno dato vita ad un progetto acustico incentrato su brani originali e rivisitazioni dei classici del blues. A completare il trio è il bassista Marco Cattolico, musicista di estrazione rock con vasta esperienza nel campo della musica etnico-popolare. Il progetto “The Blues Queen” è dedito a rievocare storie nate sul delta del Mississippi, attraverso suoni crudi nello stile blues: strumenti acustici e resofonici, slide, washboard e stomp box, costituiscono l'essenza del sound della band che riesce sempre a marchiare indelebilmente le sue performance. La proposta musicale è genuina e l’ingrediente principale è la potente e calda voce dalle indiscusse qualità di Alessandra Bene, inconfondibile con il suo tono "black". Anche in occasione dell’ultima serata della XII edizione del Memorial Marco Fiume Blues Passion (start ore 21.30 – ingresso gratuito) sarà riproposta l’abbinata enogastronomico-musicale. Sul prato del Pascià restaurant, sito a Rossano in Contrada Cutura, infatti, oltre alla buona musica saranno serviti i piatti più ricercati della tradizione culinaria calabrese, proposti dallo staff diretto da Vincenzo Abbruzzese (Per prenotazioni Tel. 0983.565493 - Cell. 393.3310965 - email: abbruzzese.vincenzo@yahoo.it). Per maggiori informazioni e dettagli è possibile consultare il sito internet www.marcofiumebluespassion.it oppure la pagina Facebook “Marco Fiume Blues Passion Memorial Festival”. 
© Fonte CMP AGENCY ROSSANO

SCILLA. Ecco la 2ª edizione di “Vicoli Festival” targata Masci

SCILLA. E’ stata presentata stamani, nella sala consiliare di Palazzo San Rocco, la 2ª edizione di “Vicoli Festival”, evento promosso dal Masci ‘Scilla 1°’ con il patrocinio del Comune, della Provincia, del Parco nazionale dell’Aspromonte e del Gruppo di azione locale basso Tirreno reggino. Nel corso della presentazione, moderata dal giornalista Filippo Teramo, hanno preso la parola il commissario prefettizio Aldo Aldi, l’assessore provinciale Giuseppe Pirrotta, il presidente del Galbatir Antonio Alvaro e il rappresentante del Masci Franco Santacroce. Tutti hanno espresso il loro apprezzamento per l'iniziativa del Movimento adulti scout cattolici italiani, evento culturale artistico attraverso cui si vuole valorizzare il centro storico. Gli antichi vicoli del quartiere San Giorgio, infatti, faranno per tre serate (1, 2, 3 agosto) da particolare ‘galleria d’arte sotto le stelle’. L’evento intende riqualificare una parte del paese storicamente più antica, coinvolgendo anzitutto le espressioni artistiche locali (pittori, scultori, artigiani, artisti di strada e musicisti), le quali presteranno all’evento la loro professionalità, per rendere ancora più unico e magico il già incantevole territorio.
da sx Filippo Teramo, Franco Santacroce, Antonio Alvaro, Aldo Aldi, Giuseppe Pirrotta, Mimmo Campanella
Riqualificare la splendida e poco conosciuta area posta alle spalle della chiesa di San Rocco e del Palazzo municipale. Portare agli antichi splendori una zona caratterizzata da suggestivi vicoli dove si affacciano antiche abitazioni che riportano in una dimensione almeno ottocentesca il visitatore. Popolare in chiave turistica una zona scintillante di storia e tradizioni locali stimolando l’apertura di nuove attività commerciali capaci di attrarre massicce presenze di turisti e vacanzieri. Il progetto del Masci è stato condiviso pienamente dal vice prefetto Aldi, profondamente convinto della necessità di incentivare le attività commerciali nel centro storico e in questo senso, il commissario prefettizio ha annunciato importanti novità. La manifestazione promossa dal Masci, che è il motore trainante di  questo ambizioso, ma certamente realizzabile progetto, è in piena crescita. Alla prima edizione hanno partecipato 23 artisti, quest’anno, sino al momento, le adesioni sono 48. Evidentemente, l’idea, l’impegno e la serietà del Masci convincono sempre più.
PROGRAMMA
venerdì 1 agosto, San Giorgio - Centro storico
ore 20 - 24 esposizione e animazione
sabato 2 agosto, San Giorgio - Centro storico
ore 20 - 24 esposizione e animazione
ore 21-22-23, spettacolo delle marionette
domenica 3 agosto, San Giorgio - Centro storico
ore 20 - 24 esposizione e animazione
ore 21:30 - 23, spettacolo di magia
ore 23:30, sorteggio quadro

REGGIO CALABRIA. La Polizia municipale impegnata nella tutela della corretta fruizione degli spazi pubblici

REGGIO CALABRIA. Nell’ambito delle attività di contrasto all’abusivismo commerciale, il Comando Polizia municipale è particolarmente impegnato nella tutela della corretta fruizione degli spazi pubblici. Nelle scorse settimane la Polizia municipale ha deferito all’Autorità giudiziaria numerosi commercianti e gestori di pubblici esercizi per invasione arbitraria di suolo pubblico finalizzata a trarne profitto. A conclusione dell’attività, l’Autorità giudiziaria ha emesso altrettanti provvedimenti di sequestro preventivo delle opere realizzate senza autorizzazione, affidandone l’esecuzione alla stessa Polizia municipale diretta dal comandante del Corpo, dottor Domenico Crupi. Tali attività, inserite in un più ampio programma di contrasto all’illegalità, e in esecuzione alle direttive impartite dal prefetto Claudio Sammartino, si stanno svolgendo prevalentemente nell’ambito del centro e proseguiranno senza soluzione di continuità nelle prossime settimane interessando anche le periferie della città.

BAGALADI. Riparte l’Estate con la Pro Loco protagonista

BAGALADI. L’Associazione Pro Loco, si propone di promuovere il rinomato centro dell’Area Grecanica attraverso una serie di manifestazioni, qualcuna già realizzata in fase pre-estiva come la giornata ecologica, che a giudizio di tanta gente è riuscitissima. Aveva come scopo principale quello di rendere più pulita la simpatica cittadina e ancor più gradevole dal punto di vista dell’accoglienza. La Pro Loco ha chiesto e ricevuta la collaborazione delle altre associazioni operanti a Bagaladi, tra le quali “Avalon” e “Gagini”; nonché il patrocinio dell’Amministrazione comunale, patrocinio che si è trasformato anche in una fattiva collaborazione impiegando uomini, mezzi e materiali disponibili, ma sopratutto si è registrata la fattiva e numerosa partecipazione di tantissimi cittadini volenterosi che evidentemente hanno a cuore le sorti del piccolo paese, che è anche una delle caratteristiche “porte” di accesso al Parco Nazionale dell’Aspromonte . Oltre questo primo impegno, sono stati programmati altri eventi, tra i quali un importante concorso artistico dal titolo “ArtisticaMenteLegale” attraverso la realizzazione di 5 Murales lungo la via Matteotti che si terrà sabato 2 agosto 20144 in coincidenza con la festa del Gonfalone, per poi continuare martedì 5 agosto con la proiezione di un Film in piazza, immediatamente il giorno successivo (mercoledì 6 agosto) si disputerà “Giochi in Piazza”, per proseguire vigilia di ferragosto (giovedì 14 agosto) con “Sport, Salute e Benessere”; quindi per concludere alla grande domenica 24 agosto con la “Sagra dell’Olio” e prodotti tipici con l’intento di valorizzare quello che è il prodotto più importante dell’economia Bagaladese.

SCILLA. Domani il convegno del Masci sul tema “Riqualificazione del centro storico”

SCILLA. “Riqualificazione del centro storico, analisi, obiettivi, procedure, realizzazione” è il tema dell’interessante convegno promosso dal Masci Scilla 1°. All’importante iniziativa, che si terrà domani nella sala convegni della ‘Casa della Carità’, inizio ore 18:30, parteciperanno: l’architetto Filippo De Blasio; il commissario prefettizio Aldo Aldi; il presidente della Provincia Giuseppe Raffa; il presidente del Parco nazionale dell’Aspromonte Giuseppe Bombino; il presidente Galbatir Antonio Alvaro; il direttore del Parco nazionale dell’Aspromonte Tommaso Tedesco. Il convegno sarà moderato dal commercialista Franco Santacroce, personaggio impegnato tra le file del Movimento adulti scout cattolici italiani ‘Scilla 1°’.

PLATI’. Arrestato lo zio del latitante Natale Trimboli con l’accusa di coltivazione illecita di canapa indiana

PLATI’. Ieri mattina all’alba i carabinieri della locale Stazione, insieme a personale dello Squadrone eliportato “Cacciatori di Calabria”, hanno tratto in arresto Bruno Trimboli, 67 anni, con l’accusa di coltivazione illecita di canapa. A seguito di un servizio di perlustrazione aerea svolto da militari dell’8° Nucleo elicotteri carabinieri di Vibo Valentia è stato possibile individuare una piantagione di canapa indiana in località Arghia. I militari, appiattatisi nei paraggi, hanno avuto modo di osservare il Trimboli che si recava a prestare le necessarie cure a 20 piante (della media altezza di 2,00 m) messe a dimora in un appezzamenti di terreno di una trentina di metri quadri. La piantagione, previo campionamento per le necessarie analisi di laboratorio, dopo essere stata estirpata, è stata distrutta a mezzo fuoco. L’arrestato, zio da parte materna del ricercato Natale Trimboli, 46 anni, ritenuto elemento di spicco dell’omonima consorteria ‘ndranghetistica platiese, inserito nell’elenco dei “latitanti pericolosi” del ministero dell’Interno. Espletate le formalità di rito, Bruno Trimboli è stato sottoposto agli arresti domiciliari e messo a disposizione della Procura della Repubblica di Locri in attesa del rito direttissimo.

CANILE MORTARA. Dacci una zampa: "Ci rivolgeremo al prefetto Sammartino"

prefetto Claudio Sammartino
REGGIO CALABRIA. È durato oltre due ore l'incontro della delegazione dell'associazione Dacci una zampa con uno dei rappresentanti della commissione prefettizia, Carmelo La Paglia, alla presenza di una delle funzionarie del dipartimento Ambiente e dell'architetto Minasi, uno degli esperti voluti dalla triade. Un incontro iniziato decisamente con il piede sbagliato se è vero che solo grazie all'intervento del prefetto Gaetano Chiusolo, il dottore La Paglia si è infine reso disponibile ad un colloquio con i volontari. "Non possiamo che valutare positivamente i timidi passi fatti dall'amministrazione comunale per l'apertura del canile di Mortara. Abbiamo infatti appreso non solo che l'agibilità del canile c'è, ma anche che in sede di conferenza dei sindaci la struttura di Mortara è stata identificata come struttura strategica ai sensi del Dpgr. 51 del 19 maggio 2014, la nuova legge regionale che ha detto nuove norme e condizioni per i canili. Adesso - stando a quanto ci è stato riferito - bisognerebbe attendere la valutazione igienico sanitaria dell'Asp, un piano di

REGGIO CALABRIA. Cidec “provocatoriamente” favorevole al viaggio dei Bronzi di Riace

REGGIO CALABRIA. La polemica innescata dalla proposta “provocatoria” di Sgarbi (perché in tal senso la intendiamo) circa il trasferimento dei Bronzi per l’Expo 2015 a Milano, piuttosto che scadere nell’ovvietà delle proteste regionalistiche, dovrebbe far riflettere sull’incapacità (ormai manifesta) dei nostri amministratori di valorizzare una così grande risorsa che potrebbe, da sola, fare da volano per un intero settore, quello del turismo archeologico. Eppure, da quel lontano 1972 in cui i due guerrieri furono scoperti e riportati “all’asciutto”, davvero poco si è fatto per riconoscergli l’importanza che da subito gli è stata tributata dalla comunità scientifica internazionale, essendo tra le poche statue bronzee del V sec a.C. sopravvissute fino a noi, peraltro in ottime condizioni. Capaci di attrarre grandi folle di appassionati e curiosi negli anni immediatamente successivi al loro ricovero presso Il Museo Nazionale (dopo le fasi di restauro) i due Guerrieri hanno pian piano perso il loro magnetismo, anche perché, a dispetto della loro “forza”, son stati lasciati da soli a combattere una battaglia impari con l’impreparazione di una intera classe dirigente (non solo politica), incapace di strutturare intorno a loro una offerta turistica complessiva e competitiva che avrebbe consentito al contempo a questa nostra città (e non solo) di sviluppare la sua naturale vocazione turistica. Basti pensare che il Museo Nazionale non ospita solo i Bronzi, ma anche una enorme e variegata collezione di reperti archeologici, provenienti da tutto il comprensorio reggino, che costituiscono anch’essi un unicum su cui si potrebbe imbastire il rilancio di tutta la regione. Ebbene come tutti sappiamo il Museo è in ristrutturazione da anni, senza peraltro che sia dato sapere quando questi lavori termineranno, lasciando ancora una volta i nostri Guerrieri da soli ad affrontare i pochi, sparuti turisti che dopo averli ammirati son costretti a re immergersi nella calura reggina senza poter visitare molto di più. Il vero scandalo per Cidec è proprio questo: non già la richiesta del professor Sgarbi (avanzata in modo un po’ veemente com’è nella sua natura), quanto piuttosto la manifesta incapacità di gestire un bene che è “patrimonio dell’umanità” e che non può essere relegato ad uno “scantinato” per la protervia, l’inettitudine, l’incapacità di programmazione di una intera classe dirigente. Ebbene “provocatoriamente” noi andremo controcorrente, dicendoci favorevoli al viaggio dei nostri 2 guerrieri, che avranno così modo di essere ammirati in una cornice di certo più consona “all’idea” per cui sono stati forgiati e forse riusciranno ad essere ambasciatori della cultura della nostra terra più e meglio dei suoi attuali rappresentanti.
Sergio Marino
segretarioprovinciale Cidec

RIZZICONI. Opera San Francesco d’Assise: lavoratori in stato di agitazione

Giuseppe Gentile
RIZZICONI. L’indigenza dei lavoratori dipendenti dell’Opera San Francesco d’Assise è giunta al limite della sopportazione, gli stipendi non si pagano dal mese di gennaio 2014 e rimangono ancora insoluti la 13^ e 14^ del 2013 oltre a tre mensilità del 2011. Non se ne può più! Urlano i dipendenti “siamo pronti a bloccare tutte le attività, perché lavorare senza essere pagati è una condizione di non vita per noi tutti e per le nostre famiglie”. È ora di dire basta alle tante promesse di pagamento, puntualmente disattese dalla Direzione della Casa di Riposo, sembra di vivere sospesi per aria con il vuoto assoluto intorno a tanto lavoro quotidiano non pagato per 12 mensilità. La gestione della Casa di Riposo e Protetta si è dimostrata da tempo fallimentare, nonostante i nostri sacrifici, ma, nessuna istituzione si è occupata seriamente del problema. Ci siamo rivolti persino al Consiglio dei Ministri chiedendo una gestione commissariale, la risposta del 25.06.2014 a firma del Consigliere dell’Ufficio Anna Gargano ci informa della richiesta di notizie inviata alla Prefettura di Reggio Calabria che fa riferimento alla nota prot. 33483 del 07.06.2012 dove viene segnalato che l’esposto era al vaglio della Procura della Repubblica del tribunale di Palmi. Insomma, tutto rimane ancora racchiuso in un mistero da scoprire. Purtroppo non si tratta di un momento particolare, il deficit economico è strutturato, si trascina da troppi anni e non si trovano vie di uscita. Ricordiamo il licenziamento collettivo di 21 lavoratori di 4 anni fa, delle tante cause fatte da quest’ultimi per recuperare gli stipendi non pagati ed il trattamento di fine rapporto, i gravi ritardi della Regione Calabria nei pagamenti delle rette sociali, i factoring contratti dalla Fondazione per avere liquidità sulle fatture dell’ASP, le rette mensili pagate dai vecchietti ricoverati, le pensioni riscosse dalla fondazione, le donazioni spontanee di persone anziane, tutti soldi che dovevano servire al buon funzionamento di una realtà produttiva importante per un territorio come quello di Rizziconi ma che hanno portato al fallimento. Oggi, la misura è stracolma ed i lavoratori sono decisi a mettere la parola fine a questa incomprensibile grave gestione deficitaria. Bisogna aspettarsi di tutto, persino gesti eclatanti che potrebbero generare grave allarme sociale. Pertanto, sarebbe opportuno che la Regione Calabria, la Prefettura di Reggio Calabria, la Procura di Palmi, l’Amministrazione Comunale di Rizziconi, si rendessero parte attiva dell’intera questione e programmassero un intervento mirato per chiarire tutti i dubbi posti dai lavoratori in ordine alla situazione economica-contabile-gestionale dei capitali in entrata e in uscita, al fine di determinare un momento di verità per poi mettere in atto un piano di rientro serio e garantire un futuro normale ai lavoratori ed agli anziani ricoverati.
Giuseppe Gentile
segretario regionale Sulpi

REGGIO CALABRIA. Il 9 agosto conferenza de 'L'Agorà' sulla Prima Guerra Mondiale

REGGIO CALABRIA. “Il centenario della grande guerra” è il titolo del progetto ideato dal Circolo culturale “L'Agorà” e che per tale occasione ha organizzato per il quadriennio 2014-2015, una serie di iniziative relative a diversi aspetti di quel periodo storico. Il nuovo incontro si svolgerà sabato 9 agosto alle ore 21, presso il Chiostro della Chiesa di San Giorgio al Corso (ingresso corso Garibaldi). Il tema del nuovo appuntamento verterà sulla presentazione del volume "Neutralismo" cattolico e socialista di fronte all'intervento dell'Italia nella 1^ guerra mondiale. Nel corso dell'incontro ci saranno gli interventi di Antonino Megali (Circolo culturale "L'Agorà") e dell'onorevole Fortunato Aloi autore del saggio storico edito per la Luigi Pellegrini Editore. L'appuntamento organizzato dal sodalizio reggino rientra nelle iniziative del programma quadriennale 2014-2018 “Il centenario della grande guerra” che per l’alto significato e la valenza dei contenuti di tale palinsesto ha ricevuto l’Alto Patrocinio dell’Ambasciata d’Austria, di Ungheria e della Repubblica Ceca e della Repubblica Slovacca.

ROCCELLA JONICA. Sono 65 i migranti soccorsi in mare dalla Guardia costiera

ROCCELLA JONICA. Sono arrivati a Porto delle Grazie i 65 migranti di nazionalità siriana, tra cui nove donne e sei bambini (uno neonato), soccorsi la scorsa notte dalla Guardia costiera a circa 120 miglia dallo Jonio reggino. I migranti si trovavano a bordo di una vecchia imbarcazione col motore in avaria partita dalla Turchia presumibilmente tra il 21 e il 22 luglio scorsi. I migranti sono stati ospitati in una struttura messa a disposizione dal Comune.

CARABINIERI. Cronaca dalla Locride

ARDORE. Ieri mattinata, i carabinieri della Stazione di Ardore Marina, insieme a personale dello Squadrone eliportato “Cacciatori di Calabria”, hanno individuato e successivamente estirpato una piantagione di canapa indica, sita in una piazzola di contrada Acuta di circa 70 metri quadri e composta 50 esemplari alti fino a 3 metri. Sono in corso accertamenti e riscontri per individuare chi si interessasse dell’irrigazione e della coltivazione illecita di tale stupefacente.
BRANCALEONE. Nel corso della mattinata odierna, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato a piede libero per violazioni di sigilli un 56enne e un 72enne del luogo, nonché un 62enne residente in Lombardia, poiché sorpresi all’interno di uno stabilimento balneare, sottoposto a sequestro dalla Delegazione di Spiaggia di Bianco a fine marzo scorso a seguito di violazioni in materia edilizia, intenti a effettuare alcuni lavori di riparazione-ripristino della struttura, ancorché la stessa fosse di fatto, e giuridicamente, inaccessibile per via dei sigilli imposti.
CARERI. Ieri, a conclusione delle verifiche svolte, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato un adolescente della zona per guida senza patente. Il giovane pochi giorni prima era rimasto coinvolto in un incidente stradale mentre era alla guida del proprio ciclomotore, riportando gravi ferite (giudicate guaribili, in prima istanza, in 20 giorni, avendo riportato la “frattura della clavicola sinistra, l’infrazione della 3^ vertebra cervicale e dell’orbita sx”). I militari, allertati da personale del pronto soccorso dell’Ospedale di Locri, hanno dovuto ricostruire la dinamica senza la presenza dei mezzi coinvolti nel sinistro, spostati immediatamente dopo l’occorso, rilevando, al termine degli accertamenti svolti, anche la mancanza della patente, poiché mai conseguita, nonché la mancata copertura assicurativa, in capo al minore. Il ciclomotore è stato conseguentemente posto sotto sequestro sia penale sia amministrativo.
CARERI. La notte scorsa, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato un 21enne di Platì per ricettazione e guida senza patente. In particolare, dopo un breve inseguimento, i militari hanno fermato il giovane alla guida di un ciclomotore il cui il numero di telaio era stato completamente abraso. Dai successivi accertamenti è emerso che lo stesso era anche privo della patente di guida, poiché mai conseguita. Il ciclomotore è stato posto sotto sequestro in quanto corpo di reato, anche all’ulteriore scopo di risalire al suo legittimo proprietario, previo il ripristino del numero di telaio da parte dei carabinieri del Reparto investigazioni scientifiche di Messina.
PALIZZI. I carabinieri della Stazione di Palizzi Marina, a conclusione di accertamenti, hanno denunciato a piede libero un napoletano di 36 anni per truffa poiché, dopo aver acquistato un pacchetto di sigarette presso un bar, ha chiesto al barista di cambiargli le banconote ricevute come resto (48 euro) con un unico pezzo da 50 euro. In quello stesso istante, riuscendo a distrarlo per un attimo, gli ha sfilato dalle mani la banconota presa dal registratore di cassa e da utilizzare per il cambio, aggiungendola a quelle avute come resto, di cui era ancora in possesso, e pretendendo, pertanto, la somma di 100 euro. Il tutto non è passato inosservato al barista il quale ha avvertito il proprietario dell’attività che ha sporto denuncia presso la locale Stazione carabinieri.
SAN LUCA. I carabinieri della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà per concorso in tentato danneggiamento fraudolento di beni assicurati un 51enne del luogo e un 26enne di Africo Nuovo poiché, al fine di ottenere il risarcimento del danno dalle rispettive compagnie assicurative, hanno simulato un incidente stradale, falsificando il relativo modulo di constatazione amichevole. I due sono stati scoperti a seguito di accertamenti esperiti successivamente a un controllo della circolazione stradale, dai quali è emerso che, oltre ad aver utilizzato veicoli di proprietà, rispettivamente, della moglie e della nonna, che non presentano danni compatibili con alcun incidente stradale, hanno denunciato tardivamente il sinistro alle rispettive compagnie assicurative.